Il Pescara continua a sperare

Nel pomeriggio del 6 agosto, dopo una breve consultazione, il Collegio di Garanzia del Coni ha deciso di rigettare il ricorso del Trapani, confermando i due punti di penalizzazioni in precedenza erogati per il mancato pagamento degli stipendi del mese di febbraio. A nulla sono valse le ragioni esposte dall’Avv. Chiacchio, il quale faceva leva sull’eccezionalità del periodo dovuta all’emergenza Covid. I siciliani vanno dunque a fare compagnia in Lega Pro alle già retrocesse Livorno e Juve Stabia.

Continua, invece, il sogno salvezza per il Pescara che il 10 agosto giocherà la prima gara dei due match in programma allo stadio “Adriatico” di Pescara alle 21:00. Ritorno in Umbria al “Curi” il 14. Al termine dei due match, se il numero delle reti segnate e subite dalle due squadre dovesse risultare pari, si disputerebbero i tempi supplementari ed eventualmente i calci di rigore. Tiro un gran sospiro di sollievo il presidente Sebastiani, che non aveva di certo lesinato la sua vena polemica in questi giorni, usando anche dei toni piuttosto caustici. L’amarezza granata traspare dalle parole dell’Avv. Chiaccio, difensore dei siciliani nel procedimento: “Eravamo soli contro tutti.” Il Pescara ha vinto la partita in Tribunale, ora l’aspetta quella sul campo contro il Perugia di Oddo, molto legato per il suo passato alla città abruzzese. Entrambe le formazioni sembrano essere abbastanza disastrate, ma come si dice in queste casi, vinca il migliore. O almeno il meno peggio.